RE BOAT RACE

 

RE BOAT RACE, Anagramma ONLUS, Rebibbia Fashion alla posa ufficiale della prima bottiglia del Vascello Anagramma al Dima Shopping Bufalotta Roma.

Giugno 2012 Anagramma ONLUS ottiene il permesso di costruire un catamarano con materiali riciclabili all’interno del Centro Commerciale Dima Shopping Bufalotta Roma che parteciperà alla RE BOAT RACE, fai la differenza con taglio del nastro il 21 Giugno alla presenza di varie istituzioni e con la partecipazione del Vice Presidente del Parlamento Europeo, l’Onorevole Roberta Angelilli. Armatore del Vascello Anagramma è il sig. Pietro Rossi, Fondatore del marchio sociale Rebibbia Fashion. Per tale evento Anagramma ONLUS riceve messaggi di stima e ringraziamenti dal Capo di stato, Giorgio Napolitano e dal Ministro di Grazia e Giustizia, Paola Severino.

I ragazzi dell'ANAGRAMMA ONLUS alla RE BOAT RACE CON IL “VASCELLO ANAGRAMMA”
21 GIUGNO 2012 LA POSA DELLA PRIMA BOTTIGLIA

Dal 19 al 23 settembre 2012
Parco centrale del Lago dell’EUR di Roma - Piscina delle Rose

Tante sono le iniziative che si sono sviluppate attorno alla RE BOAT RACE, la prima regata in Italia di imbarcazioni costruite con materiale di recupero e di riciclo, giunta alla sua terza edizione.
Re Boat Race è una prova sportiva, artistica, manuale, ma soprattutto ecologica che ogni anno attrae appassionati e curiosi che vogliono cimentarsi in questa divertente attività.

Team eterogenei si sfidano in una regata assolutamente innovativa. 
Unico requisito: tanta, tanta fantasia perché la propria barca sia “colorata e folle”, meravigli il pubblico, galleggi e vada molto veloce solo con energia pulita.

A sfidarsi team di famiglie, scuole, gruppi sportivi, centri estivi, amici che si contenderanno il premio per l’imbarcazione più veloce, più bella o costruita con la maggiore quantità di materiale di recupero e riciclo e con trazione a impatto “quasi zero”.

Ma sull’onda dell’allegria e delle creatività anche i risvolti sociali sono profondi ed i contenuti
del recupero e del riciclo si riflettono nella vita di tutti … recuperare normalità, attraverso materiali e attività ludico/creative!
Con il VASCELLO ANAGRAMMA, i ragazzi diversamente abili dell’Associazione Anagramma Onlus e il loro team di operatori qualificati, partecipano - con la loro imbarcazione costruita con materiali di riciclo - alla regata riciclata più pazza e colorata di fine estate, sostenuti tra l’altro dal Social Brand Rebibbia Fashion: è proprio in questa occasione che il tema del recupero si riflette in modo completo nella vita di chi, vivendo una condizione difficile, affronta, comunque, questa avventura con gioia e spirito sportivo, con l’esclusivo obiettivo di partecipare da una parte divertendosi, dall’altra con la consapevolezza di chi sa che sta “diventando esempio per tutti”. 

Tale iniziativa è sostenuta dall’Agenzia Nazionale per i Giovani che ha patrocinato l’intero evento proprio per gli alti valori sociali che vi sono alla base.

L’iniziativa gode infine del patrocinio della Commissione Europea, del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, dell’AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI, dell’ISPRA, della Regione Lazio (Assessorato alla cultura, arte e sport e Assessorato all’Ambiente e Sviluppo
Sostenibile), della Provincia di Roma, del Gabinetto del Sindaco di RomaCapitale e della rete delle Biblioteche di Roma e del Municipio Roma XII.

Il 21 giugno 2012 si è tenuta la Posa Ufficiale della Prima Bottiglia per la costruzione del Vascello Anagramma presso il Centro Commerciale Dima Shopping Center della Bufalotta, che ha dato così lo "start" ufficiale alla Re Boat Race, 
Al;a cerimonia, e preceduti da una esibizione canora di una rappresentanza del gruppo “Ladri di carrozzelle”, sono intervenuti la vicepresidente del Parlamento Europeo Roberta Angelilli, gli allora presidenti dei Municipi Quarto e Quinto Cristiano Bonelli e Ivano Caradonna, l’assessore regionale alle Politiche Sociali Aldo Forte e il consigliere municipale Fabrizio Clavenzani. 
Assieme a loro il presidente dell’Ama Piergiorgio Benvenuti e Cristiano Ceccato e Pietro Rossi, rispettivamente presidenti di Anagramma e ideatore del marchio Rebibbia Fashion, il “social brand” che ha rivestito i panni di “Eco Armatore” sposando una nuova iniziativa dai forti risvolti sociali. 
In quest’occasione, infatti, i contenuti del recupero e del riciclo si riflettono tutti nelle vite di chi affronta questa nuova avventura, con gioia e vero spirito sportivo e con il solo obiettivo di partecipare.
Partendo dal recupero di vite, quelle di chi ha sbagliato una volta e sta pagando a caro prezzo con una condanna al carcere; per arrivare al recupero della normalità di chi – diversamente abile – si sente invece protagonista di una storia sicuramente “divertente”, ma assolutamente “utile alla collettività normodotata”. 
“Quest’avventura, fatta di coraggio e di sfide” ha sottolineato Fabrizio Clavenzani, allora consigliere del Municipio Roma IV “porta infatti con sé un messaggio forte e provocatorio, rivolto alla gente comune: possibile che per parlare di recupero, riuso e riciclo, si debbano “scomodare” dei ragazzi diversamente abili?”
“Questa è la domanda che frulla nella testa dei ragazzi di Anagramma Onlus” – ribadisce il Presidente della onlus Cristiano Ceccato – “semplicemente questa: NOI FACCIAMO LA COSA GIUSTA! E VOI NORMODOTATI… CHE FATE?”
E, proprio a questo “E Voi… che fate?”, ha risposto Pietro Rossi, Presidente della Cooperativa Sociale Verde Artemisia e ideatore della “marca sociale” Rebibbia Fashion.
“Rebibbia è solo carcere, oltre a quartiere di Roma e alla stazione metropolitana linea B, capolinea” - dice Pietro Rossi - “e la maschera di Rebibbia Fashion, che rappresenta un casual giovane e intelligente, vuole fare del recupero di detenuti alla vita - attraverso le idee e il lavoro – qualcosa di straordinariamente normale”.
E’ per questo che Rebibbia Fashion non ripudia l'origine del territorio, ma lo sfrutta per un messaggio di riscatto; e il valore aggiunto è proprio nell'opportunità sociale da cui si parte e dalla chance che ogni persona deve avere alla fine di ogni ciclo: ricominciare, ripartire. Iniziare ogni giorno nuovi percorsi mantenendo la propria identità visibile, riconoscibile: io so che tu sai chi sono io.
Ecco perché Rebibbia Fashion ha sposato l’idea di sostenere in una sorta di “recupero terapeutico” i ragazzi dell’Associazione Anagramma onlus nella costruzione dell’imbarcazione riciclata “VASCELLO ANAGRAMMA”.
Sarà solo una delle tante occasioni per un reinserimento attivo, dunque, non solo di materiali che si pensavano non più necessari, ma di persone troppo spesso emarginate nel loro ruolo di cittadino – considerato di serie B – che in questo caso porta un messaggio di grande spessore civile, in un momento di grande decadenza morale.
Tutti insieme hanno simbolicamente assemblato un primo componente dell’imbarcazione – formato da bottiglioni di plastica.
Durante la mattinata c'è stato anche il tempo per un'iniziativa solidale: la raccolta di generi alimentari che sono poi stati inviati nei territori dell'Emilia Romagna colpiti dal terremoto nel 2012.

 

 

 


 

Patrocinio autorizzato dal Municipio III di Roma

 

http://www.fiaba.org/

Fratture Scomposte

http://www.fratturescomposte.net/fn/cpg.php

http://www.gruppoidee.eu

http://www.rebibbiafashion.com

http://associazioneargos.blogspot.it/

http://www.liveaid.it/

 

 Raccolta Alimentare

Anagramma Onlus - Copyright © 2013. All Rights Reserved.